DxO One appPer poter utilizzare la DxO ONE è necessario scaricare la app gratuita sul proprio smartphone o sul proprio tablet. È richiesta una versione minima dell'iOS 8.0. Come è spiegato nel test della fotocamera, presente su questo numero di osservatoriodigitale, la fotocamera viene gestita direttamente dall'iPhone o dall'iPad attraverso il connettore di tipo Lightning con il quale viene collegata. La DxOOne app è realizzata appositamente per l'uso con la fotocamera ONE e permette di utilizzare e impostare tutte le funzioni  disponibili sulla fotocamera.

Come abbiamo potuto vedere nel test della Leica Q pubblicato su questo numero, la fotocamera dispone nativamente di un collegamento wifi e NFC così da rendere più facile il trasferimento delle immagini e dei video, scattate e girati con la stessa, ma allo stesso tempo di poterla controllare in modo remoto. Per fare ciò Leica ha studiato e realizzato quest'app, scaricabile gratuitamente dall'iTunes Store o da GooglePlay: è infatti disponibile per le due maggiori piattaforme di smartphone e tablet che girano con iOS e Android.

okdothisL'applicazione di questo mese ha uno scopo, diciamo, preventivo ed è il frutto dei pensieri del noto fotografo Jeremy Cowart. Ormai la fotografia, soprattutto quella destinata a riempire i profili social e le pagine di Instagram, ha raggiunto livelli di diffusione enormi e spesso si rivela assolutamente pleonastica, ridondante, già vista.
È per questo che è nata Okdothis (Ok fai questa...) l'app che si propone come una vera e propria rivoluzione. Riuscirà nell'intento? Come diceva il saggio, lo scopriremo solo vivendo. Nel frattempo, dall'apparizione dell'app si sono mossi in tanti e tra questi anche la società Eyefi, produttrice delle schede di memoria SD con capacità di trasferimento delle immagini in modalità wi-fi, che ha pensato bene di comprarsela.

Lo scorso mese avevamo proposto una app, per iOS, che permetteva di trasformare un iPhone in una sorta di Leica, con tutti i relativi controlli manuali. Questo mese vogliamo fare di più e proporvi l'ultima release di una app per "l'altro mondo" quello di Android con un'applicazione che trasforma davvero uno smartphone in una reflex tascabile molto evoluta: Camera FV-5.

Avete sempre desiderato una fotocamera Leica, quelle dal marchio rosso, ma, per un motivo o per un altro, non siete mai riusciti a comprarvene una? Bene, oggi c'è una app che viene incontro ai vostri desideri di fotografia un po' speciale: si tratta di Red Dot Camera, un'applicazione che si ispira proprio ai dettami tecnico-fotografici delle fotocamere della casa di Wetzlar e garantisce una qualità d'immagine elevata, senza cadere nei trucchetti utilizzati di solito dalle app di questo genere. Vediamo come e perché.

Crop on the flyOdiate i video e le foto scattate in verticale? Non riuscite a guardare le fotografie che non siano state scattate in modalità panorama? Oggi c'è una soluzione che fa al caso vostro e si chiama Crop on the Fly, cioè ritaglio al volo in poche parole. La nuova app consente di intervenire facilmente sui video girati in verticale così (come sulle fotografie scattate in modalità ritratto come vengono chiamate di solito) usando la Photo Extension, al fine di ricavarne una parte, quella che riteniamo più interessante, e ritagliarla dandole un senso orizzontale.

ICona Color StrokesMacPhun è una software house giovane che da subito è balzata all'attenzione di tutti per i suoi programmi dedicati al mondo della fotografia, utilizzabili da smartphone, da tablet o da computer. Questo mese prendiamo in analisi ColorStrokes, una app che permette di selezionare e/o colorare selettivamente solo alcune aree e porzioni di una fotografia. Avete presente quando in una foto in bianco e nero si vede una rosa colorata di rosso? Oppure in una scena di un giorno di pioggia risaltano solo gli ombrelli di colore blu? Ecco, questo è quello che vi permette di fare, con estrema semplicità, l'app di questo mese. L'alternativa è ovviamente possibile, utilizzando programmi di editing più complessi (Photoshop insegna) ma, certo, il tempo dedicato all'operazione è maggiore e le conoscenze necessarie dei parametri da regolare per ottenere l'effetto sono decisamente più alte.

Enlight 1.01Questo mese vi proponiamo Enlight, la mnuova applicazione fotografica per smartphone e device mobili di Lightricks, la software house israeliana che ha già avuto tanto successo con Facetune, l'app dedicata al perfezionamento e alla rifinitura deile foto di ritratto. Anche nel caso di Enlight si parla di un'app che rivoluzionerà il modo di fare fotografie con gli smartphone... Anche dopo un breve periodo di utilizzo, tuttavia, si è portati a pensare che la loro non sia la solita trovata promozionale, viste le reali capacità dell'applicazione.

VSCO CamProprio quando per le strade di tutto il mondo è apparsa la campagna pubblicitaria con la quale Apple sta promuovendo la fotografia fatta con i suoi smartphone della sesta generazione, si potrà notare che molte immagini sono realizzate con un'app (che fortunatamente gira anche su dispositivi Android) chiamata VSCO Cam, che permette un controllo preciso sull'esposizione e sulla pubblicazione delle immagini realizzate. Alcuni l'hanno definita l'applicazione fotografica definitiva, proprio per le sue caratteristiche che non si fermano allo scatto dell'immagine ma ne seguono anche tutto il processo di editing fino alla pubblicazione, di qualunque natura sia.

Icona MexturesMextures, giunta alla versione 2, è una app che raccoglie una serie di filtri molto interessanti e, direi, intensi. Certo, direte voi, ce ne sono mille di app che propongono le stesse funzioni ma vediamo perché questa è diversa, a sé. Dopo questo afggiornamento, gli utenti di Mextures potranno modificare le proprie immagini in modo globale senza dover ricorrere all'aiuto di altre applicazioni esterne oltre a condividere il risultato finale e le proprie "formule" creative con altri utenti; ancora, sono disponibili 47 nuove texture e un processo di editing decisamente più rapido.

Icona AutoBracketingDopo l'app dello scorso numero, quel TrueHDR che promette foto dalla gamma cromatica perfettamente esposta, eccone un'altra che arriva dalla stessa software house, e che abilita l'utilizzatore dello smartphone allo scatto di una serie di immagini in rapida successione, ciascuna con un diverso valore di esposizione. La tecnica del bracketing è nota da moltissimo tempo e ora è resa disponibile in maniera semplice e precisa anche a chi fa fotografia con il proprio telefono.

Oggi che la tecnica HDR è diventata di uso comune, al punto che le stesse applicazioni di base di ogni smartphone offrono la possibilità di elaborare un'immagine emulando questa forma di multi esposizione, la Pictional LLC, piccola casa di software, ha realizzato questa app che permette di scattare invece tre immagini, proprio come si farebbe con una vera fotocamera, al fine di ottenere le basi per realizzare una vera e propria (ma soprattutto corretta) fotografia in High Dynamic Range. L'app funziona sia con le foto scattate direttamente dal device su cui è installata così come sulle foto importate da altre fotocamere.

L'applicazione di questo mese è Creatic, quello che potrebbe sembrare come l'ennesimo esempio di sistema di maquillage per le fotografie mentre invece è un sistema completo di ritocco, arricchimento, miscelazione e finalizzazione di tutte le immagini che si scattano o sono presenti nel nostro smartphone con la finalità di condividere l'immagine finale con gli amici oppure con il network di utilizzatori di Creatic, anche per trarre ispirazione e imparare dall'uso che ne fanno gli altri utenti.

Icona RetricaRetrica è l'ennesimo esempio di come si possano modificare le foto scattate con lo smartphone (iOS oppure Android) ma soprattutto gli autoscatti, quei selfie che ultimamente vanno tanto di moda. L'app è facile e gratuita, scaricabile dall'Apple Store o da Google Play, e subito i suoi filtri ed effetti sono a disposizione per essere utilizzati. È possibile dare un tono retro alle proprie immagini ma, quello che è davvero interessante, è la possibilità di visualizzare gli effetti già prima di scattare la foto oltre a poterli applicare in un secondo tempo.

Picwant è la prima app che permettere a chiunque di pubblicare le proprie foto realizzate con lo smartphone per poterli vendere online sulla piattaforma di picwant.com a un parco di utenti che comprende casa editrici, aziende, agenzie pubblicitarie e chiunque altro necessiti di questo tipo di contenuti. L’applicazione è molto semplice da utilizzare e gira su piattaforma iOS e Android (è infatti disponibile su iTunes o su GooglePlay).

After FocusIn un momento di grande dibattito per l'uscita della nuova fotocamera Lytro Illum, la plenottica evoluta che vorrebbe rivoluzionare il mercato della fotografia amatoriale e non, grazie alla sua capacità di mettere a fuoco anche dopo lo scatto, eccovi una applicazione, per Android e iOS, che promette di fare la stessa cosa ma con le fotografie scattate col nostro smartphone. Si tratta di After Focus, il cui nome è già una garanzia. Con questa app è possibile creare foto con lo sfondo sfuocato come si fa con le fotocamere digitali attraverso l'uso preciso del diaframma. Inoltre qui è possibile aggiungere vari filtri al fine di rendere più naturali e, al tempo stesso, più realistiche le foto trattate.

icona LFI app LeicaLFI – Leica Fotografie International ha approntato per tutti i suoi fedeli seguaci una nuovissima app scaricabile per ogni tipologia di strumento mobile, sia esso dotato di iOS o del sistema Android, che permette di restare sempre connessi e informati su quanto avviene nel mondo Leica. Vi sono aree  in cui è possibile seguire l'attività di molte gallerie nel mondo, altre in cui troviamo le novità nel mondo della fotografia, altre ancora dove si possono trovare informazioni e immagini relative ai modelli di fotocamera in produzione e non.

icona The Great Photo AppL'app di questo mese si propone, niente di meno che, come un'accademia di fotografia tascabile, sempre a portata di mano dentro al vostro smartphone: proprio per questo gli sviluppatori l'hanno chiamata The Great Photo App! Dai principi fondamentali della fotografia agli strumenti per i professionisti, l'app si propone come un valido supporto per tutti coloro che si avvicinano alla fotografia oppure hanno già le loro idee su come catturare immagini: ci sono consigli e tutorial che si adattano a chi fa foto. Con questa app sarà possibile imparare facendo pratica attraverso lezioni interattive che permettono di comprendere a fondo, poco alla volta, i fondamenti della fotografia e delle sue tecniche principali. Praticamente è come avere un amico o un insegnante al proprio fianco che fa notare gli errori oppure si congratula per uno scatto ben riuscito.

L'App(c)licazione di questo mese è gratuita e disponibile sia per Android sia per iOS: si tratta di Lenstag, un'importante utility che permette di registrare e verificare la proprietà di tutta una serie di prodotti fotografici contraddistinti da un numero di serie. L'utilizzo è semplicissimo: basta registrarsi al servizio, inserendo solo il proprio indirizzo di posta elettronica e una password a piacere, per accedere a una schermata dove è possibile inserire i vari componenti della propria attrezzatura con nome e numero di serie.

icona app AlayerAlayer è uno strumento interessante che prevede un flusso di lavoro guidato e un editor di immagini pressoché completo. Il lavoro di editing avviene attraverso l’aggiunta di livelli, layer appunto, sui quali si apportano variazioni differenti e in numero praticamente illimitato. L’app permette di aggiungere alle proprie immagini una serie di effetti e di modificarne i valori in modo coerente.

Cerca su Osservatorio Digitale